"Siamo davvero rimasti soddisfatti, azienda seria, tutor sempre a disposizione, personale competente e professionale. Complimenti!"

Badalà / Lombardo (Cliente Sorgente)



 

Seguici su

Scrivici
 ​

Migliorare dalla paralisi cerebrale con le staminali del cordone, la storia di Dallas

Dallas Hextell è un bambino americano affetto da paralisi cerebrale che, grazie al trapianto autologo di staminali cordonali ha esibito importanti miglioramenti clinici. Alla nascita del bambino, i genitori di Dallas decisero, in manera preventiva, di conservare presso una banca del cordone ombelicale le sue staminali cordonali. Sfortunatamente, all’eta di soli 9 mesi, a Dallas venne diagnostica la paralisi cerebrale. Nel 2007, presso la Duke University (California), Dallas venne sottoposto a trapianto delle sue stesse cellule staminali. Ad una settimana dall’infusione il bambino era più cosciente, dopo alcune settimane era scomparso lo spacsmo oculare e dopo alcuni mesi era in grado di stare in piedi. A due anni dall’intervento Dallas era in grado di sorridere, camminare e parlare. Come detto dai ricercatori che hanno eseguito l’intervento, i risultati sono sperimentali, e per tanto precoci entusiasmi devono essere mitigati.

Fonte: Los Angels Times


La fotografia riportata in questa sezione ha finalita' puramente illustrativa. Il soggetto ripreso non e' associato in alcun modo al contenuto della notizia.
Print Bookmark and Share

 
  Guida sulle Cellule Staminali  
Gratis a casa tua.
Richiedila ora!
Clicca qui  

 
  Il Kit di raccolta Sorgente  
Hai già deciso?
Richiedilo ora!
Clicca qui  

 
  Ti ricontattiamo scegli quando!  
Maggiori info?
Decidi tu quando
essere ricontattato.
Clicca qui  

 
  Conserva a partire da 63€ in 36 MESI  
Il prestito veloce e su misura … Oggi puoi!
Clicca qui  

Questo sito utilizza i cookie e tecnologie simili.

I cookie ci aiutano a fornire i nostri servizi. Utilizzando tali servizi, accetti l'utilizzo dei cookie da parte nostra. Se non si modificano le impostazioni del browser e\o si prosegue con la navigazione, l'utente accetta. Per saperne di piu'

Approvo