Centro assistenza clienti

I Falsi Miti sulla Conservazione delle Staminali #1: Quando Effettuare la Raccolta

bambino e mamma
A piccoli passi verso il futuro
clampaggio taglio tardivo
I Falsi Miti sulla Conservazione delle Staminali #2: Taglio tardivo e Raccolta di sangue cordonale
Show all

I Falsi Miti sulla Conservazione delle Staminali #1: Quando Effettuare la Raccolta

cellule staminali cordonali contro il coronavirus

Le famiglie hanno tanti dubbi in merito alla conservazione delle staminali del cordone ombelicale, molti dei quali dettati dalla scarsa informazione in merito. Alcune coppie di genitori arrivano a rinunciare alla raccolta del sangue cordonale, spaventate da voci sulla pericolosità o sull’inutilità della pratica. È giunto il momento di fare chiarezza.

Da oggi su queste pagine pubblicheremo alcuni contributi a tema Falsi Miti sulla Conservazione delle Cellule Staminali da Sangue Cordonale. Risponderemo sia ai dubbi sulla raccolta stessa sia a quelli sul successivo utilizzo delle cellule staminali.

Cominciamo oggi con la risposta a due domande che riguardano sostanzialmente:

  1. il quando – da quale settimana è possibile prelevare sangue dal cordone ombelicale
  2. il come – ci sono restrizioni per prelevare sangue cordonale in caso si preveda di dare alla luce il proprio bambino con parto cesareo?
staminali cordonali

Staminali embrionali in formazione – CC License su Wikimedia, di Nissim Benevnisty

1) Da quale settimana di gravidanza si può effettuare la raccolta del sangue cordonale?

Affinché la raccolta del sangue cordonale sia migliore, è necessario che il feto sia di almeno 35 settimane. Per poter raccogliere il sangue cordonale la mamma deve compilare il questionario medico relativo alla storia medica famigliare riguardante malattie genetiche, immunologiche e infettive. Questo è molto importante per assicurare al campione conservato un potenziale utilizzo terapeutico.

2) Si può effettuare la raccolta del sangue cordonale se il parto sarà cesareo?

La raccolta delle cellule staminali del cordone ombelicale è effettuabile in caso di parto naturale, gemellare, di parto indotto e anche di parto cesareo.

Emblematico è il caso di Thomas.
Nel 2007, durante un controllo i medici rilevano un nodo nel cordone ombelicale. Decidono quindi di operare d’urgenza e, subito dopo il parto cesareo, raccolgono le cellule staminali del bambino. La decisione si rivelerà decisiva.
Thomas rimane senza ossigeno per diversi minuti, il che provoca una paralisi cerebrale con tetraparesi spastica. Per fortuna il campione di sangue cordonale gli consente di accedere a uno studio della Dott.ssa Joanne Kurtzberg della Duke University. I medici usano le cellule staminali del bambino per effettuare tre trapianti autologhi, grazie ai quali oggi Thomas vive una vita normale.
Tutto grazie a un campione raccolto dopo un parto cesareo.

Se vuoi approfondire queste tematiche, ti invitiamo a continuare a seguirci.

Nel frattempo puoi leggere questo articolo.

Fonte:
www.adoces.it

Four phases of checks for exclusion of umbilical cord blood donors
Gennaro Volpe, Michele Santodirocco, Lazzaro Di Mauro, Giuseppe Miscio, Filippo Maria Boscia, Brunella Muto, and Nicola Volpe; Blood Transfusion. 2011 Jul; 9(3): 286–291

"Siamo davvero rimasti soddisfatti, azienda seria, tutor sempre a disposizione, personale competente e professionale. Complimenti!"
Badalà/Lombardo (Cliente Sorgente)

Leggi i commenti lasciati dai nostri clienti.

Recensioni Verificate

RICHIEDI LA GUIDA

guida informativa sulla conservazione delle cellule staminali

Compila il form per ricevere gratuitamente e senza impegno la guida informativa sulla conservazione delle cellule staminali

Lasciaci i tuoi dati e riceverai la guida informativa in versione cartacea comodamente a casa tua.

Copy link