Centro assistenza clienti
Combattere la sclerosi multipla con le staminali? Si può!
Nuove terapie per il bulbo oculare secco
Show all

E’ partita la corsa contro il tempo per aiutare il piccolo Pietro Gala, un bambino di 7 anni di Qualiano a cui è stata diagnosticata una patologia curabile attraverso l’utilizzo di cellule staminali. Al piccolo Pietro – ha raccontato la mamma Anna Maria – dopo innumerevoli consulti, gli specialisti dell’ospedale Stalla Maris di Pisa hanno diagnosticato la mancata formazione di alcuni neuroni. Il prossimo 11 marzo è previsto l’intervento presso un centro specializzato a Tblisi, in Georgia.

Attraverso una tecnica ancora non ‘normata’ in Italia, con l’uso delle cellule staminali, gli specialisti dell’Autism and ASD Treatment Center procederanno alle trasfusioni di sangue ottenuto tramite il suo stesso midollo osseo per indurre il sistema nervoso di Pietro a produrre i neuroni ‘mancanti’.

La tecnica in questione riguarda l’auto infusione di cellule staminali ematopoietiche che normalmente si esegue a partire da cellule del sangue cordonale perché rit4enute le migliori a questo scopo. Ma, nel caso di Pietro, non sono state prelevate le cellule alla nascita e ora lui deve ricorrere al suo midollo osseo con la speranza che ci sia un effetto analogo.

La famiglia in queste ore ha lanciato in rete una raccolta fondi per permettere al piccolo Pietro di sottoporsi all’intervento nella clinica specializzata. Servono 20 mila euro entro il prossimo 7 marzo, data prevista per la partenza. Una corsa contro il tempo che già nelle prime ore ha visto un’ampia partecipazione di donatori. 

Ecco il link dove potete donare: https://www.gofundme.com/f/trapianto-al-midollo-osseo

"Siamo davvero rimasti soddisfatti, azienda seria, tutor sempre a disposizione, personale competente e professionale. Complimenti!"
Badalà/Lombardo (Cliente Sorgente)

Leggi i commenti lasciati dai nostri clienti.

Recensioni Verificate
Copy link